Romeo Gigli ss16
Logo Romeo Gigli Sport

Romeo Gigli

La griffe Romeo Gigli fa i suoi primi passi nel 1979 a New York, Dimitri un sarto conosciuto in quegli anni, gli da la possibilità di imparare i canoni del mestiere e sviluppare il suo estro creativo. La tecnica di costruzione sartoriale acquisita in quel periodo costituirà la base delle nuove proporzioni della figura femminile nelle collezioni a venire. Nel 1983, presenta la prima collezione e il debutto è un piccolo choc culturale: gli abiti di jersey annodati sul corpo, le giacche minute, le spalle strette e curve che esaltano un’anatomia fragile e seducente, i colori intensi e indefiniti, portano una ventata di novità e attirano immediatamente l’attenzione di giornalisti e compratori.

In pochi anni, la griffe viene accolta nell’olimpo dei grandi e le presentazioni delle sue collezioni a Milano, diventano l’appuntamento più esclusivo e ambito. Nelle sue creazioni si riflettono epoche ed etnie, paesaggi e poesie che seguono un percorso estetico originale, mai integrato in una tendenza o uno stile comune ad altri, rimanendo sempre “outsider”.

I motivi ispiratori si devono cogliere in dimensioni evocative tratte dall’interesse e dalla passione per l’arte, teatro, cinema e musica che ne rappresentano il DNA non ultimo, l’arte di creare forme, di inventare e assemblare nuovi materiali.

La maison Romeo Gigli è oggi distribuita in tutto il mondo attraverso l’attività di vari licenziatari.
Le categorie merceologiche spaziano dall’abbigliamento maschile e femminile, al bambino, agli accessori, all’occhialeria, alle calzature, alla piccola pelletteria e alla linea casa.